Welcome to the Linea Light Group Press Office

Welcome to the Linea Light Group Press Office

Products from this company are shipped to: all countries globally and are located in: Italy

Latest images

16/06/22

1196x1770 3219kb

Thin66 Linea Light Group

Linea Light Group

Thin66 Linea Light Group

Linea Light Group

16/06/22

15/06/22

2480x3508 4207kb

Thin66 Linea Light Group

Linea Light Group

Thin66 Linea Light Group

Linea Light Group

15/06/22

05/05/22

2480x3507 1725kb

Illuminazione a moduli INK System Retail

Linea Light Group

Illuminazione a moduli INK System Retail

Linea Light Group

05/05/22

05/05/22

2480x3507 1477kb

Illuminazione a moduli INK System

Linea Light Group

Illuminazione a moduli INK System

Linea Light Group

05/05/22

05/05/22

1728x2592 2687kb

Kioo - Lampada a parete da interno

Linea Light Group

Kioo - Lampada a parete da interno

Linea Light Group

05/05/22

05/05/22

2492x3329 4852kb

Kioo - Lampada a parete da interno

Linea Light Group

Kioo - Lampada a parete da interno

Linea Light Group

05/05/22

05/05/22

1240x1754 1129kb

Igloo - Lampada a parete plafoniera

Linea Light Group

Igloo - Lampada a parete plafoniera

Linea Light Group

05/05/22

05/05/22

2742x3660 6034kb

Hologram - Lampada a sospensione

Linea Light Group

Hologram - Lampada a sospensione

Linea Light Group

05/05/22

Press releases

22/03/22

Evolution and revolution INK System is furniture, light, and versatility














































INK System represents a turning point in the lighting scene: it revisits the concept of a luminaire, pulling it apart and back together again, reformulating the ABC of lighting. Starting from a simple conductor cable in rubber, elastic and thin, the light becomes a continuous strip with indirect emission, suspended a short distance from the ceiling. The same cable, combined with the special extrusion for walls and ceilings, transforms into a luminous path that furnishes spaces and forms the basis for the different “letters” that will go on to compose the entire system: spotlights, linear profiles and suspension lamps from the same family. 

 

Created by Linea Light Group in Italy, INK System is the perfect solution to overcome problems due to incomplete pre-existing systems or limitations imposed by the context: tight spaces, delicate quality materials that need to be protected, an insufficient number of light sources, and even the impossibility to install drivers remotely. In a few words: maximum versatility on every surface in any space, even those with considerable installation limits. INK System is not a single lamp available in different versions, but rather a genuine system with multiple products, which all share a common concept.

 

Light profiles and linear suspensions with diffused emission or with controlled UGR thanks to dedicated darklight cells, adjustable spotlights with three different optics and spot suspensions. The INK range includes numerous lighting products with an ultra-quick coupling system to the rubber cable: simply select the preferred position, fix the luminaire by applying slight pressure and screw in the safety set screws with the supplied Allen key. The cable acts as a safe and reliable conductor, does not require any protections or special installation measures, and allows utmost freedom of positioning. Changing is incredibly easy: simply extract the product and move it to wherever you like, then reposition it along the cable. Given the frequent changes affecting display areas throughout the year, the advantage is clear: the light easily adapts to the location, to the configuration of the spaces and to the evolution of display logics, and not vice versa!

 

INK System adopts the “DALI Point-to-Point” protocol, which allows the DALI luminaires hooked along the cable to be individually dimmed:essentially, you can decide whether to turn each luminaire on, off, or regulate its intensity, separately from the others: a great advantage in terms of versatility of use and control of the lighting effects!

To satisfy special compositional needs, small wall or ceiling brackets have been introduced, allowing the cable to be curved, with the possibility to create indirect lighting effects by anchoring the supplied LED strip.

Another recent introduction to the INK family is the new flush system, a range upgrade allowing the use of different-sized profiles to install the cable flush with the surface. The modules compatible with this system feature a new type of safety coupling with a hex key as opposed to side ring nuts.

 

And for spaces with important vaults, beams and precious ceilings, such as boutiques in historical city centres? No problem: overhead installation makes it possible to solve both the need for ambient lighting and the possibility to freely position the spotlights. Flexible and minimalist, the cable allows the insertion of a high-performance LED strip for particularly soft indirect ceiling lighting; at the same time, it also acts as a conductor on which all compatible devices can be attached, allowing the adoption of various lighting solutions perfect for every type of display scenario. The cable thus becomes a suspended system able to wind itself far and wide through the various spaces, all starting from a single light source.

Only colour version: total black.

 























02/11/21

LINEA LIGHT GROUP ILLUMINA I CASTELLI IN ALBANIA














































Linea Light Group è una realtà italiana capace di fornire soluzioni illuminotecniche completamente su misura e capace di rispondere ad ogni esigenza e necessità progettuale. L’azienda trevigiana, pioniera nella tecnologia LED, offre una qualità̀ 100% italiana. Oggi Linea Light Group è un’azienda con una forte presenza internazionale, è coinvolta in diversi progetti illuminotecnici come Aereoporti, Moschee, Headquater e non solo. A gamba tesa è entrata nel panorama e patrimonio artistico culturale. Infatti nella più recente progettazione si è adoperata per l’illuminazione architetturale di due importanti roccaforti situate in Albania, nello specifico a Rruga Kala, Kruge, per il Castello di Croia e nella città di Scutari per quello di Rozafa. In entrambi i casi si riconosce a capo del progetto l’intervento del designer Fulvio Baldeschi.
 
Per il primo progetto si è vista padrona la città di Croia, antica capitale albanese oltre a essere città simbolo della resistenza contro le invasioni degli ottomani e patria dell’eroe nazionale Giorgio Castriota Skanderbeg. Il suo nome sembra derivare dalla parola krua che significa sorgente in relazione alla presenza di numerose sorgenti di acqua fresca che scendono dai monti circostanti.
Dal punto di vista geografico, Croia fa parte dell’Albania centrale e si estende ai piedi del versante ovest del monte omonimo. Questa posizione particolare, punto d’incontro delle vie che collegavano tutto il Paese, ne ha permesso lo sviluppo commerciale e ha determinato il suo ruolo dominante verso i territori limitrofi. Simbolo della città è il Castello, arroccato su una cresta rocciosa sul lato orientale della città; costruito attorno al V/VI secolo d.C. che conserva ancora oggi le strutture interne con il Museo Nazionale Skanderbeg, dedicato all’eroe e alla storia albanese, il Museo Etnografico, la Torre dell’Orologio, un’antica torre di avvistamento alta ben 16 metri, che regala una vista panoramica mozzafiato.
Non meno importante è Scutari, che ospita il secondo progetto d’illuminazione da parte di Linea Light Group.
La città è la più importante nel nord dell’Albania, da sempre una città di frontiera, soggetta alle influenze e alle dominazioni veneziane, slave e ottomane. Un intreccio di culture ancora oggi ben visibile nelle tracce dell’architettura islamica e cattolica, italiana e turca che si ritrovano nei monumenti, negli edifici e anche nel Castello di Rozafa, il simbolo di Scutari nonché il miglior punto di osservazione sulla città e sui suoi dintorni. Arroccato sulla cima di un promontorio, incuneato tra tre fiumi, la fortezza (un tempo) controllava l’ingresso in città. Fu costruito dagli Illiri e ampliato successivamente nel corso degli anni dai Veneziani e poi dagli Ottomani, con interventi ancora oggi ben visibili. Il suo nome è legato alla leggenda della giovane Rozafa, murata viva al suo interno, come offerta agli dei.
 
Il Castello di Croia, rispetto a quello di Rozafa, è in realtà una fortificazione che custodisce all’interno della sua cinta muraria oltre a ristoranti e abitazioni private anche elementi iconografici importanti, in primis la Torre. Il progetto illuminotecnico studiato dal lighting designer Fulvio Baldeschi ha avuto come obiettivo la valorizzazione di questi elementi di maggior richiamo, stabilendo una sorta di “gerarchia della luce” che ha visto la realizzazione di un’illuminazione laddove non era prevista (come nel caso della stessa Torre), il riequilibrio dei fasci di luce dove troppo presenti (come per il Museo) e infine, l’accentuazione di zone come l’ingresso, caratterizzato da una porta veneziana e una serie di archi. Anche la cinta muraria, piuttosto irregolare e sfrangiata, è stata oggetto di un attento studio di luci e ombre per conferire profondità ed evitare l’effetto di appiattimento.
 
Il designer Fulvio Baldeschi si è concentrato per la parte d’illuminotecnica con lo studio di lighting design ha così optato per un mix di soluzioni professionali e industriali di Linea Light Group che ha permesso di ottenere un risultato davvero eccellente. All’interno del castello per riequilibrare l’illuminazione del Museo e all’esterno per enfatizzare la cinta muraria, è stato scelto di utilizzare Prolamp di I-LèD Industrial, il proiettore che abbina in un unico prodotto la robustezza necessaria per l’utilizzo negli ambienti esterni, alle elevate perfomance professionali: efficienza della sorgente luminosa, alta resa cromatica, capacità di mantenere il puntamento.
Una grande attenzione, infine, è stata data anche per le parti interne più nascoste e ai dettagli, dalla cinta muraria agli archi di passaggio dove il proiettore di design Periskop ha trovato un ampio utilizzo, sia per le sue linee moderne che ben si adattano ai diversi contesti, sia per la sua capacità di evidenziare i dettagli architettonici.
 
Sono indiscussi e di grande impatto scenografico gli altri prodotti protagonisti per il secondo intervento presso il castello di Rozafa a Scutari.
Stiamo parlando di High-Wired, Envelope, Xenia. Il profilo lineare High Wired, ha permesso di ottenere una luce di controcampo giocando ancora una volta con le ombre. L’illuminazione della zona d’ingresso è dovuta a Envelope, il segnapasso versatile qui usato in versione a singola emissione, e a Xenia, la famiglia di apparecchi dalle molteplici possibilità di configurazione che si adeguano a ogni esigenza illuminotecnica, qui utilizzato in modo specifico per illuminare l’ingresso barbacane.
Da sottolineare infine che la maggior parte degli apparecchi è stata dotata di una griglia di protezione per evitare atti vandalici e di un dimmer esterno Bluetooth con protocollo Casambi, il sistema professionale avanzato ideato per la gestione dell'illuminazione senza fili che, rispetto alla rete Dali e grazie alla tecnologia Bluetooth, consente una programmazione più efficace in relazione alla lunghezza chilometrica della cinta muraria.

 






























































Image basket (0)

View previous downloads